Progettista WAGS POLACCHINA BASSA MARRONE/GRIGIO MARRONE/GRIGIO MARRONE/GRIGIO Uomo 85c0b5

Nuovo Ornella Dutti ALICIA STIVALETTI IN PELLE NERO Donna,

Progettista WAGS POLACCHINA BASSA MARRONE/GRIGIO MARRONE/GRIGIO MARRONE/GRIGIO Uomo 85c0b5

6 luglio 2016

Bambini Nike Skateboarding Check GS Bambini Trainers Grigio Nero all'ingrosso ultimo, di marca poco costose MCS AMES SNEAKERS MARRONE SCURO Uomo, prezzo ragionevole ASICS GEL ROCKET 7 Scarpa volley donna bianca in tessuto,L574844 1610521 LE COQ SPORTIF ( NERO/MARRONE ) sportive UomoClassico baby Ragazzo Easy Peasy kiny PLANET Bleu De Gros Slippers birth,Nuove scarpe di stile R and Be SANDALI BLU Donna,Vendita calda ASOS Mocassini color grigio scamosciato con frange e suola naturale Uomo Grigio,Calzature famose Geox KRISTOF SCARPE DA TENNIS, SNEAKERS GRIGIO Uomo,Guardare alla moda Donna DU SIMON BALLERINA NERO scarpe ufficiali River Island in pelle a punta senza lacci Donna Nero, tendenze Pompe impermeabili in colore di carne da 16.5cm ,Nuda,10 IT Ragazze Carters Emilia 3 (Toddler/Little Kid) Bianco da ginnastica Taglia 42 EU 44 41 37,I migliori venditori ASOS TULA Zeppe stile espadrillas Oro rosa Donna,Buona apparenza Puma WNS SUEDE PLATFORM GUM SNEAKERS IN PELLE NERO DonnaI più nuovi Sandali alla moda color angura sexy con bottoni in pelle con tacco da 14cm ,Anguria,Preferenziale ASOS derby viola scamosciato Uomo Viola,Nike free connect pink Regali Galore nuove stagioni Puma CARSON 2 SNEAKERS NERO Donna,Nuovo Arrivo Donna Ballerine Keds Teacup Cvo Marine On Line, scarpe ufficiali Puma WNS SUEDE PLATFORM GUM SNEAKERS IN PELLE ROSA Donna, scarpe di marca SAMUELA PACE Sandalo alto donna nero in pelle, prezzo ragionevole Donna PLDM by Palladium SANA STIVALETTI IN PELLE NERO,Q227573 SWANSONG AB JEFFREY CAMPBELL ( ARGENTO/BIANCO ) Zeppe Donna, scarpe straordinarie Uomo Levi's WOODS TENNIS BLU, il prezzo basso Sandali arancione sexy con piattaforma la punta aperta di pizzo con strappo alla caviglia con tacco da 15cm scarpe straordinarie PEPE JEANS donna blu/multicolor in tessuto,A caldo Ragazze Romagnoli 3317 Nero Outlet Stivali,Grande sconto Uomo Puma SNEAKERS BIANCO,Nike pegasus boys nuovo arrivo,Air force 1 flyknit Nero low Grandi Occasioni

Le tradizioni orali e corali delle valli ossolane sono custodite in un documentario sonoro firmato dall’Associazione PassAmontagne di Vogogna. “Storie di canto in Val d’Ossola” è un lavoro inedito, della durata di circa trenta minuti, realizzato all’interno del progetto “Perpendicolarte. A Vogogna tra piana e montagna”, promosso dal Comune di Vogogna e da alcune realtà culturali del territorio grazie al sostegno della Compagnia di San Paolo nell’ambito del Festival “Torino e le Alpi” 2015. Un viaggio attraverso le sonorità ossolane condotto grazie a una decina di testimoni tra i sessanta e gli ottant’anni originari della Val d’Ossola, intervistati nel corso dell’estate 2015.

Ad accompagnare gli ascoltatori, le voci degli intervistati, registrate e proposte mantenendo l’autenticità dei rumori di sottofondo e dei canti intonati qua e là dai protagonisti, e quelle di Valentina Volontè e di Lorenzo Valera. Dottoranda in sociologia all’Università di Lione e cantante la prima, giornalista radiofonico e musicista il secondo, entrambi appassionati di montagna, compongono il duo PassAmontagne, parte dell’omonima associazione italo-francese, nata nel 2012 con l’obiettivo di “passare le montagne”, tracciando, attraverso proposte nell’ambito del canto, della musica e dell’editoria, una carta di relazioni transalpine in grado di andare oltre le frontiere.


Alla base del documentario sonoro, un attento lavoro sui canti della tradizione popolare, composto da un aspetto scientifico, di ricerca etnomusicologica portata avanti sui testi, e di uno – fondamentale nell’ambito dell’oralità – esperienziale. Come spiega la Volontè, approfondendo il repertorio del duo, che spazia dalle Alpi ai Pirenei, dalle Ande ai monti della Kabilia, «i canti si possono imparare ovunque e mi è capitato di rientrare da un trekking in Val Chisone con nuove conoscenze musicali e una buona conoscenza dei canti tradizionali cileni».
«In “Storie di canto in Va d’Ossola”, siamo partiti dalle registrazioni dell’Associazione Cantarstorie di Domodossola per concentrarci sugli aspetti sociali del canto – continua Volontè -. Come, quando e dove si cantava? Cosa rappresentava il canto per i nostri vecchi? Quali emozioni suscitava?». Le interviste riportano a un’epoca in cui «se cantavi per strada non ti prendevan per matta»: il canto era un’abitudine capillare, una tendenza diffusa. «Emerge da questo lavoro un’accezione del canto come momento di incontro, spazio di convivialità e occasione di trasmissione dei vissuti – continua Volontè -. Fondamentale nelle voci degli intervistati è il ruolo dell’osteria, rappresentata come luogo di scambio e passaggio, elemento di unione degli abitanti della valle. La musica consentiva a chi cantava e a chi ascoltava di immedesimarsi con le storie narrate; subentrava allora la responsabilità di insegnare, e così tramandare ai più giovani quelle melodie e quelle vicende. È la trasmissione di un mondo, quello popolare di montagna, che avrebbe subito un duro colpo con l’esodo verso le città, il fondo valle e le fabbriche».
Il documentario non ha lo scopo di fissare un passato ormai inaccessibile; piuttosto, intende essere uno stimolo per chi oggi continua a intonare quei canti. Tant’è che il prossimo step del progetto è rivolto al presente, per restituire i contesti attuali del canto e concentrarsi sulle musiche dell’immigrazione passata o recente, dalle armonie calabresi dell’ondata migratoria degli anni Sessanta dall’Italia Meridionale verso le valli ossolane, fino alle melodie africane che, tramite i richiedenti asilo ospitati in valle, stanno entrando a far parte del repertorio orale del territorio.
Progettista WAGS POLACCHINA BASSA MARRONE/GRIGIO MARRONE/GRIGIO MARRONE/GRIGIO Uomo 85c0b5

«Il canto fa risuonare in noi il legame con un territorio preciso, con un ricordo famigliare o con un pezzo della nostra storia – conclude Volontè -. In realtà, tutti i canti arrivano da altrove: cambiano i testi, le lingue, a volte le melodie, ma i temi si rincorrono nelle vallate, tra le regioni e le nazioni. Come un telefono senza fili, il canto popolare si sposta e si trasforma, a testimoniare che la nostra identità è meticcia, sempre in movimento».
Un estratto audio del documentario sonoro “Storie di canto in Va d’Ossola” è disponibile on line, al link e sul canale SoundCloud del duo. Per ricevere la versione integrale è possibile contattare l’Associazione PassAmontagne all’indirizzooppure incontrare di persona Valentina Volontè e Lorenzo Valera in una delle prossime esibizioni del duo, il 17 luglio 2016 al Rifugio Miryam, ai 2.050 m di altitudine della Val Vannino, e il 19 agosto in Val Formazza, presso il piano dei Camosci (2480 m s.l.m.), nell’ambito dell’edizione 2016 di “Musica in quota”.
Daria Rabbia

Nessun commento.

prezzo all'ingrosso Geox SHAHIRA SNEAKERS IN PELLE BORDEAUX Donna,

Di moda Roxy TESS SANDALI CAMMELLO Donna,

Prezzi stracciati baby Ragazze Beau Bellamy ARRAS Bordo Outlet Online Stivali,
Dislivelli - Sede legale Via Maria Vittoria 37, 10123 Torino - Sede operativa e redazione viale Pier Andrea Mattioli 39, Dislivelli c/o Dipartimento Interateneo di Scienze, Progetto e Politiche del Territorio, 10125 Torino - Tel. +39 0115647406 - Mob. +39 3888593186 - info@dislivelli.eu C.F. 97715490013 - P.I. 10190190016
Web design e sviluppo: Resonance