Mammut CafèNoir per ecopellicciotto donna in camoscio nero con ecopellicciotto per interno 7d2c04

ASICS Onitsuka Tiger Harandia Lime Da Donna Grigio Da Ginnastica [DN316] EU 44,

Mammut CafèNoir per ecopellicciotto donna in camoscio nero con ecopellicciotto per interno 7d2c04

6 luglio 2016

Sandali con tacco Zeppe COTELAC Pelle Marrone T 39 OTTIME CONDIZIONIStivali pelle italiano marrone bronzo NUOVA Val 190E Punto 35,36,36.5,37,37.5,38,Tibetan Spaniel Dog Running Shoes For Donna-Free ShippingCecelia New York Avery Nude Flat Transparent Stud Clear Nude Strappy Sandals,Donna Open Toe Sandals Block High Heel Flower Ankle Strap Buckle Summer Shoes@,Puma 364588 Donna Nero 95796 Spedizione gratuita,Oboz Donna poligonale basso bdry,NEW PILLOWS BY ARKOO COWRA Donna LEATHER SUPPORTIVE COMFORT SANDALSSPM Nero Pelle Da Donna Metà Polpaccio Stivali Con Cerniera Con Tacco Casual 4 EU,Merrell J03012: Donna Siren Sport Q2 Waterproof Dusty Olive Hiking da GinnasticaNIKE AIR MAX 1 Ultra lotc QS London UK3.5 _ 4 _ 5 nuovo nella casella AUTENTICO,IN FINTA PELLE SCAMOSCIATA STIVALETTI NERI STRINGATI IN FINTA PELLICCIA Top Pull On Caldi Invernali Al Ginocchio Stivali Nuovo,AH829 ONITSUKA TIGER by ASICS shoes white purple leather Donna scarpe da ginnastica EU 35,5,Stivali stivaletti scarpe donna marrone eco pelliccia tacco 10 simil pelle 9151,Pleaserusa Tacco alto-Pumps seduce 420 Nero Velluto,Le donne Nuovo di Zecca Inverno Stivaletti Designer Inspired Taglia UK4/37EUR,LANVIN PARIS Ete 2007 Bronze Strappy Ankle Strap Horn Heel Platform Sandals 36,Europe Thong Flats Straps Slingbacks Donna Summer Party Sandals Pelle Shoes,Lumberjack Sm30405-006v16 Blu Uomo Autunno/InvernoDonna CLARKS Neenah VINO NERE O NAVY PELLE da donna basse calzata ERieker Basse Donna etichetta 44856,Tom Tailor 8599901, Stivaletti Donna, Marrone (Pepper), 40 EU (x9g),Made in Italia FILIPPO Hombre Marrón 73425 Spedizione gratuita!,73901 Made in Italia Made in Italia Donna Nero 73901 DonnaMa,Embroidery Donna Chinese Floral Buckle High Heel Suede Party Ankle Stivali Shoes,Caprice Donna 23200 Oxford in pelle scamosciata rosa (Rose) 6.5 UK,Clarks Donna Ballerine Neenah Poppy, GEOX D BREEDA, Color Marrone,Lacoste Straightset Bl 1 SPW, Donna, Blu (Nvy), 40 EU (N7w)Clarks donne LOAFERS blu grande 8 /39 EU,

Le tradizioni orali e corali delle valli ossolane sono custodite in un documentario sonoro firmato dall’Associazione PassAmontagne di Vogogna. “Storie di canto in Val d’Ossola” è un lavoro inedito, della durata di circa trenta minuti, realizzato all’interno del progetto “Perpendicolarte. A Vogogna tra piana e montagna”, promosso dal Comune di Vogogna e da alcune realtà culturali del territorio grazie al sostegno della Compagnia di San Paolo nell’ambito del Festival “Torino e le Alpi” 2015. Un viaggio attraverso le sonorità ossolane condotto grazie a una decina di testimoni tra i sessanta e gli ottant’anni originari della Val d’Ossola, intervistati nel corso dell’estate 2015.

Ad accompagnare gli ascoltatori, le voci degli intervistati, registrate e proposte mantenendo l’autenticità dei rumori di sottofondo e dei canti intonati qua e là dai protagonisti, e quelle di Valentina Volontè e di Lorenzo Valera. Dottoranda in sociologia all’Università di Lione e cantante la prima, giornalista radiofonico e musicista il secondo, entrambi appassionati di montagna, compongono il duo PassAmontagne, parte dell’omonima associazione italo-francese, nata nel 2012 con l’obiettivo di “passare le montagne”, tracciando, attraverso proposte nell’ambito del canto, della musica e dell’editoria, una carta di relazioni transalpine in grado di andare oltre le frontiere.


Alla base del documentario sonoro, un attento lavoro sui canti della tradizione popolare, composto da un aspetto scientifico, di ricerca etnomusicologica portata avanti sui testi, e di uno – fondamentale nell’ambito dell’oralità – esperienziale. Come spiega la Volontè, approfondendo il repertorio del duo, che spazia dalle Alpi ai Pirenei, dalle Ande ai monti della Kabilia, «i canti si possono imparare ovunque e mi è capitato di rientrare da un trekking in Val Chisone con nuove conoscenze musicali e una buona conoscenza dei canti tradizionali cileni».
«In “Storie di canto in Va d’Ossola”, siamo partiti dalle registrazioni dell’Associazione Cantarstorie di Domodossola per concentrarci sugli aspetti sociali del canto – continua Volontè -. Come, quando e dove si cantava? Cosa rappresentava il canto per i nostri vecchi? Quali emozioni suscitava?». Le interviste riportano a un’epoca in cui «se cantavi per strada non ti prendevan per matta»: il canto era un’abitudine capillare, una tendenza diffusa. «Emerge da questo lavoro un’accezione del canto come momento di incontro, spazio di convivialità e occasione di trasmissione dei vissuti – continua Volontè -. Fondamentale nelle voci degli intervistati è il ruolo dell’osteria, rappresentata come luogo di scambio e passaggio, elemento di unione degli abitanti della valle. La musica consentiva a chi cantava e a chi ascoltava di immedesimarsi con le storie narrate; subentrava allora la responsabilità di insegnare, e così tramandare ai più giovani quelle melodie e quelle vicende. È la trasmissione di un mondo, quello popolare di montagna, che avrebbe subito un duro colpo con l’esodo verso le città, il fondo valle e le fabbriche».
Il documentario non ha lo scopo di fissare un passato ormai inaccessibile; piuttosto, intende essere uno stimolo per chi oggi continua a intonare quei canti. Tant’è che il prossimo step del progetto è rivolto al presente, per restituire i contesti attuali del canto e concentrarsi sulle musiche dell’immigrazione passata o recente, dalle armonie calabresi dell’ondata migratoria degli anni Sessanta dall’Italia Meridionale verso le valli ossolane, fino alle melodie africane che, tramite i richiedenti asilo ospitati in valle, stanno entrando a far parte del repertorio orale del territorio.
Mammut CafèNoir per ecopellicciotto donna in camoscio nero con ecopellicciotto per interno 7d2c04

«Il canto fa risuonare in noi il legame con un territorio preciso, con un ricordo famigliare o con un pezzo della nostra storia – conclude Volontè -. In realtà, tutti i canti arrivano da altrove: cambiano i testi, le lingue, a volte le melodie, ma i temi si rincorrono nelle vallate, tra le regioni e le nazioni. Come un telefono senza fili, il canto popolare si sposta e si trasforma, a testimoniare che la nostra identità è meticcia, sempre in movimento».
Un estratto audio del documentario sonoro “Storie di canto in Va d’Ossola” è disponibile on line, al link e sul canale SoundCloud del duo. Per ricevere la versione integrale è possibile contattare l’Associazione PassAmontagne all’indirizzooppure incontrare di persona Valentina Volontè e Lorenzo Valera in una delle prossime esibizioni del duo, il 17 luglio 2016 al Rifugio Miryam, ai 2.050 m di altitudine della Val Vannino, e il 19 agosto in Val Formazza, presso il piano dei Camosci (2480 m s.l.m.), nell’ambito dell’edizione 2016 di “Musica in quota”.
Daria Rabbia

Nessun commento.

LAUREN by Ralph Lauren Donna DAMARA Pelle Closed, Polo Tan/Snuff, Size 5.0 Wf,

Donna Vince Camuto Genevive Piattaforma Peeptoe Ballerine Tacchi,

NEW Allbirds Wool Loungers Comfort Donna Size 10 Rose Pink,
Dislivelli - Sede legale Via Maria Vittoria 37, 10123 Torino - Sede operativa e redazione viale Pier Andrea Mattioli 39, Dislivelli c/o Dipartimento Interateneo di Scienze, Progetto e Politiche del Territorio, 10125 Torino - Tel. +39 0115647406 - Mob. +39 3888593186 - info@dislivelli.eu C.F. 97715490013 - P.I. 10190190016
Web design e sviluppo: Resonance